noi donne e mamme

La paura di parlare in pubblico

Si chiama Glossofobia e ne ho sofferto anche io. Ricordo ancora un evento di anni e anni fa quando, di fronte ad una platea di non più di 20-25 persone, la bocca era così secca da sembrare che fossi atterrata nel deserto, anziché essere nel cuore di Bologna. A nulla valsero l’acqua a mia disposizione, le luci tutto sommato soffuse, la presenza di una ex-collega seduta di fianco a me. Mi sentivo così agitata che il cuore batteva a mille, la salivazione era assente e le mani mi tremavano come in preda al Parkinson.

Poi, col tempo, ho imparato a dominare le emozioni, a fregarmene del numero di partecipanti ad un workshop, convegno, incontro o qualsiasi tipo di evento pubblico. E le cose sono andate sempre più lisce. Finché non mi ha quasi più fatto effetto essere al centro dell’attenzione di tantissimi occhi. Ciò non significa che non provi comunque un po’ di sana agitazione. Non sarei sincera se lo affermassi. Però l’esperienza e l’età mi hanno certamente aiutata a vivere questi momenti con la dovuta calma.

Ciò che non sapevo e di cui sono venuta a conoscenza da poco è che la glossofobia, ovvero la paura di parlare in pubblico, è estremamente democratica. Molto più di tante altre situazioni italiane e mondiali. Secondo le ricerche, infatti, una persona su 4 ha paura di parlare in pubblico.

Qualche esempio illustre? Dalla Barbra Streisand ad Adele, fino ai nostri Luciano Pavarotti e Fiorello. E ancora: da Ella Fitzgerald a Enrico Caruso, così come anche Brian Wilson dei Beach Boys. Si mormora che persino uomini di potere come l’economista Warren Buffet o il fondatore di Virgin, Richard Branson, abbiano sofferto di “ansia da pubblico” prima di riuscire poi a superarla. Sono, siamo, dunque, in ottima compagnia.

Per alcune persone sconfiggerla è davvero imperativo. Parlare in pubblico, infatti, è fondamentale nel mondo del lavoro di oggi. Pensiamo all’amministratore delegato di una multinazionale che deve intervenire durante una riunione. O a uno scienziato durante un convegno internazionale o a un avvocato in tribunale prima di un’arringa. O anche a un semplice studente quando deve discutere la tesi di laurea. O a me, che tra poche settimane dovrò fare da moderatrice alla presentazione di un libro di cui ho curato la prefazione…

Secondo uno studio dell’organizzazione YouGov UK, ci sono 13 paure che tengono sveglie le persone di notte e la glossofobia è la terza più comune. I sintomi sono piuttosto vari e ricordano quelli di un classico attacco di panico: aumento della frequenza cardiaca, sudorazione eccessiva, affanno, crampi alla pancia, giramento di testa, vomito e in alcuni casi anche svenimento.

La buona notizia è che possiamo imparare a gestire la paura di parlare in pubblico. Ma attenzione ai falsi luoghi comuni. “Come quello che ci consiglia di immaginare il pubblico nudo o con il naso da clown: sono misure che non servono a superare la paura e distraggono dal discorso”, dice Massimiliano Cavallo, uno dei maggiori esperti italiani di Public Speaking, autore del libro “Parlare in Pubblico Senza Paura” (edito da Anteprima Edizione). “Anche quel consiglio piuttosto diffuso, secondo il quale bisogna ripetersi in mente un mantra, rischia di distrarci e peggiorare la situazione anziché aiutarci”, aggiunge.

Altra indicazione sbagliata è quella di esercitarsi davanti al proprio cane e vedere per quanto tempo si riesce a catturare la sua attenzione. Anche se lo ha suggerito uno studio americano, per Cavallo non funziona. “Non si può paragonare la risposta di un cane a quella che potrebbe avere una platea di persone”, precisa.

Ci sono però delle misure semplici che possono aiutare in vista di un discorso pubblico. Eccone qui alcune suggerite dallo stesso Cavallo:

·       Provare il discorso più volte. “Può sembrare una regola banale, ma alla fine è anche la più disattesa”, sottolinea l’esperto. “Non basta leggere e rileggere le slide – precisa – ma è necessario provare il discorso nella stessa modalità che si userà poi realmente. Quindi, se l’intervento lo richiede, bisogna alzare la voce o abbassarla come se si avesse di fronte il pubblico”.

·       Prendere familiarità con il luogo in cui avverrà il discorso“Magari andando a visitarlo prima del fatidico giorno”, aggiunge.

·       Non leggere il discorso e non impararlo a memoria perché il più delle volte si finisce per sbagliare. “Una delle paure più diffuse è proprio quella di smarrire il filo del discorso, oltre a perdere in naturalezza, ecco perché non va imparato a memoria. Il discorso non va letto perché focalizzeremmo lo sguardo sul foglio anziché sul nostro pubblico. Se usi le slide scrivi poco testo; se parlerai a braccio, schematizza il tuo intervento in poche parole e appunti”, dice l’esperto.

·       Guardare la platea negli occhi. “Mai guardare nel vuoto o fissare le slide”, sottolinea Cavallo. “Bisogna cercare di guardare le persone negli occhi e, se l’aula è grande, guardarla a blocchi di persone”, aggiunge.

·       Alzare leggermente il volume della voce“So che è difficile per chi ha paura di parlare in pubblico – sottolinea l’esperto – ma posso garantire che funziona. Se infatti la voce è più alta del solito, il cervello trasmetterà più sicurezza. Inoltre, con un volume di voce più alto sarà difficile sentire la voce che trema”.

Ora che abbiamo queste linee guida cui attenerci (o per lo meno tenere a mente), magari le cose andranno più lisce di quello che ci aspettiamo. Per me, almeno, spero sia così.

3 pensieri su “La paura di parlare in pubblico”

Rispondi a novecentomilaepiu Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...