Focus sui bimbi, noi donne e mamme

Quando lo smartphone diventa baby-sitter

5 rischi per il benessere dei bimbi

Ritardo nello sviluppo del linguaggio, ma non solo: Top Doctors® elenca i pericoli legati all’utilizzo smodato di strumenti tecnologici da parte dei più piccini, che sempre più spesso imparano a navigare prima ancora di parlare.

Il baby-sitter più amato del terzo millennio? Lo smartphone di mamma e papà. A chi non è capitato di lasciare nelle mani dei propri figli il cellulare, così da tenerlo buono? I bambini di tutte le età passano, infatti, sempre più tempo con lo sguardo concentrato sullo schermo, spesso con il benestare di noi genitori che vediamo nella capacità attrattiva dei dispositivi tecnologici un valido alleato per calmare e intrattenere anche il bimbo più vivace: a casa, come al ristorante, in macchina o al supermercato.

Se utilizzata appropriatamente (e con la supervisione di un adulto), la tecnologia può stimolare l’intelletto e la creatività dei piccoli nativi digitali, che hanno la possibilità di navigare e imparare attraverso applicazioni e giochi studiati per la didattica.

D’altro canto, però, un uso esagerato e senza regole dei dispositivi tech fin dalla prima infanzia, può portare con sé anche conseguenze negative per il benessere e lo sviluppo del bambino.  Top Doctors® (www.topdoctors.it), la piattaforma online che seleziona e mette a disposizione degli utenti un panel formato dai migliori medici specialisti di tutto il mondo, ha analizzato alcuni dei principali rischi.

Qui i risultati

  1. Ritardo nello sviluppo del linguaggio
    I piccoli “nativi digitali” imparano facilmente a destreggiarsi tra App e icone, ma spesso faticano a imparare a parlare. Secondo alcuni studi, tra le due attività ci sarebbe una correlazione: i bambini che usano smartphone e tablet già nei primi mesi di vita, avrebbero più probabilità di sviluppare ritardi nell’apprendimento del linguaggio. In particolare, maggiore è l’utilizzo dei dispositivi, maggiore è il rischio per i più piccini di avere difficoltà nella trasformazione dei suoni in parole articolate.
  2. Alterazioni della vista e sindrome da occhio secco
    L’esposizione prolungata alla luce degli schermi può interferire anche con la vista, causando il disturbo di secchezza oculare: il bambino avverte una sensazione di corpo estraneo nell’occhio e/o bruciore. Inoltre, guardare lo schermo a distanza ravvicinata, come si fa con i dispositivi mobile, può comportare fatica oculare, abbagliamento e irritazione.
  3. Insonnia e scarsa qualità del riposo
    Alcune ricerche mostrano come l’utilizzo precoce dei dispositivi tecnologici incida negativamente sulla qualità del sonno del bambino. Questi strumenti, infatti, tendono a sovra-eccitare i più piccini che, di conseguenza, faranno fatica ad addormentarsi o avranno un riposo agitato. Inoltre, la luce blu degli schermi andrebbe ad alterare i ritmi circadiani, limitando la produzione di melatonina.
  4. Deficit di attenzione e iperattività
    È stata più volte segnalato che bambini e ragazzi che usano frequentemente smartphone e tablet avrebbero maggiori probabilità di sviluppare i sintomi dell’ADHD, il disturbo mentale caratterizzato da livelli invalidanti di disattenzione, disorganizzazione, iperattività e/o impulsività.
  5. Difficoltà nelle relazioni interpersonali
    La tecnologia può portare una generale disattenzione verso l’esterno, con conseguente riduzione delle relazioni interpersonali in famiglia e con i coetanei. Inoltre, la mediazione dello schermo impatta negativamente sullo sviluppo dell’empatia e della comprensione del disagio e del dolore altrui.

“L’interfaccia ‘touch’, togliendo la necessità di saper padroneggiare la tastiera, permette anche a bambini molto piccoli di usare uno smartphone. In epoca pre-touch, infatti, per usare uno smartphone bisognava prima conoscere le lettere dell’alfabeto: ci si affacciava quindi alla tecnologia con un cervello già relativamente ‘vecchio’ e con un retroterra formato da tempo. Col ‘touch’ è il computer che diventa il retroterra su cui costruire il resto, così come con la propria lingua madre” commenta il Prof. Michael Mostert, Pediatra di Top Doctors®.“Il cervello dei bambini nati oggi è formato dal computer, mentre quelli nati in epoca ‘pre-touch’ hanno imparato l’uso del computer così come hanno imparato il francese, a guidare l’auto, a cucinare ecc. Dobbiamo preoccuparci? Lo sapremo quando gli attuali lattanti dotati di smartphone diventeranno adulti” conclude l’esperto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...